TARANTO: con “MArTA 3.0” un nuovo Fablab al Museo Archeologico

TARANTO: con “MArTA 3.0” un nuovo Fablab al Museo Archeologico

Con il Decreto n. 116 del 10/03/2020 l’Autorità di Gestione del PON FESR “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 ha finanziato il terzo intervento al Museo Archeologico Nazionale di Taranto (MArTA) per lo start-up, la gestione ed il coordinamento di un FabLab – laboratorio di artigianato digitale – nonché l’organizzazione di eventi di disseminazione, divulgazione e laboratori didattici in ambito creativo e culturale con il supporto delle tecnologie digitali.
 
Il FabLab – dotato stampanti e scanner 3D, macchine a taglio laser e per la lavorazione di pezzi meccanici su beni archeologici –  costituirà un laboratorio attivo per fornire a visitatori e studenti, anche disabili, esperienze alternative con manufatti storici e opere artistiche. L’attività, inoltre, è legata al merchandising museale: una volta a regime la boutique del museo potrà vendere gli oggetti riprodotti con stampante 3D e griffati MArTA stampati nel laboratorio (come per esempio, i famosissimi ori della Magna Grecia ivi conservati).
 
L’intervento è previsto nell’ambito del progetto “Il Museo MArTA 3.0” che intende rinnovare, integrare ed estendere l’offerta culturale del complesso, facendo uso delle più moderne tecnologie ICT per rilanciare il museo su differenti livelli, locale, nazionale e internazionale e s’inserisce all’interno di una più ampia strategia di riqualificazione e rilancio dell’attrattore culturale MArTA con l’obiettivo che tale sviluppo possa riflettersi anche verso il contesto sociale e culturale dell’area tarantina e regionale pugliese.