Parco archeologico di Siracusa

Parco archeologico di Siracusa

La grande area archeologica di cui fanno parte la Neapolis, l’Orecchio di Dioniso e il Teatro Greco costituisce il nucleo fondamentale del Parco archeologico di Siracusa. Comprende, oltre ad alcune testimonianze di epoca preistorica (età del bronzo, facies di Castelluccio, di Thapsos e di Cassibile), il settore della città antica con alcuni monumenti pubblici tra i più famosi dell’antichità, quali il Teatro, la soprastante area del Ninfeo, con la Via dei Sepolcri, l’area del Santuario di Apollo, l’ara di Ierone, l’anfiteatro romano, un’ampia area di cave di pietra (latomie), una vasta necropoli (detta Grotticelli) e la chiesetta normanno-sveva di S. Nicolò.

Maggiori informazioni

Interventi PON

Progetto delle opere di riqualificazione e valorizzazione funzionale dell'area archeologica della Neapolis in Siracusa - 1° stralcio

Soggetto proponente
Soprintendenza di Siracusa
Beneficiario
Soprintendenza di Siracusa
CUP
G36G13001940005
Importo in euro
2.520.694,46
(1.915.727,79 quota FESR e 604.966,67 quota FdR)
Descrizione intervento
La strategia dell’ intervento di valorizzazione dell’Area archeologica della Neapolis prevede l’incremento dell’offerta culturale e dei servizi annessi, la valorizzazione architettonica, il potenziamento dell’accessibilità (anche per disabili) in continuità con il contesto territoriale, anche attraverso il ricorso a fonti rinnovabili e sistemi di riduzione dei consumi, implementando il sistema di illuminazione. Si partirà dalla ristrutturazione e rifunzionalizzazione di casa Davìd in Info Point, con zona accoglienza, aule informative e per la didattica, sala lettura ed archivio per poi passare al recupero della casa del Contadino (Latomie del Paradiso) e delle pertinenze.