Museo nazionale e Parco archeologico di Egnazia

Museo nazionale e Parco archeologico di Egnazia

Il Museo di Egnazia sorge all’esterno delle mura di cinta dell’antica Gnathia, nell’area della necropoli messapica. L’allestimento ripercorre i trenta secoli di storia dell’importante insediamento dell’età del bronzo, della città messapica e romana, sede vescovile in età tardoantica, attraverso l’eccezionale ricchezza dei reperti esposti e l’apparato illustrativo di particolare suggestione.

Il Parco archeologico di Egnazia, inserito in un piacevole contesto naturalistico-ambientale, nasce in un sito noto nel mondo antico e citato da autori greci e latini, per la sua posizione geografica privilegiata, che fu uno scalo commerciale strategico nel collegamento tra Occidente e Oriente.

Maggiori informazioni

Interventi PON

Tutela e valorizzazione dell'area archeologica demaniale e completamento dell’allestimento del Museo archeologico nazionale

Soggetto proponente
Soprintendenza Archeologica Puglia e Polo Museale della Puglia
Beneficiario
Polo Museale della Puglia
CUP
F52C16000120006
Importo in euro
5.000.000
(3.800.000 quota FESR e 1.200.000 quota FdR)
Descrizione intervento
Sono previsti interventi sia sul Parco Archeologico che sul Museo Nazionale. Nel Parco sono previsti interventi di restauro del cd. “muraglione messapico” proteso verso il mare, la ricollocazione dei mosaici nelle Basiliche Paleocristiane e delle domus presso il forum. Gli interventi presso il Museo mirano a riqualificare l’offerta turistica attraverso la realizzazione di nuovi percorsi di visita, diretta o virtuale; sarà data,inoltre, la possibilità di accedere ad un percorso inserito nel contesto paesaggistico, il cd. Percorso Botanico che attrarrà anche turisti interessati alle escursioni naturalistiche.

MUSAS- MUSei di Archeologia Subacquea – Tutela, valorizzazione e messa in rete del Patrimonio Archeologico Subacqueo

Soggetto proponente
Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro
Beneficiario
Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro
CUP
B12C16000080001
Importo in euro
3.250.000
(2.437.500 quota FESR e 812.500 quota FdR)
“MUSAS- MUSei di Archeologia Subacquea” è un progetto interregionale che riguarda complessivamente 6 Attrattori (due per ciascuna regione) della Calabria, Campania e Puglia. L’importo stanziato per la sua realizzazione, qui sopra riportato, si riferisce all’intero intervento e non allo specifico Attrattore.
Descrizione intervento
Scopo del progetto è realizzare un programma di valorizzazione integrata attraverso l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative che metta in rete aree archeologiche sommerse e Musei che conservano reperti di provenienza subacquea. Le attività connesse consentiranno, inoltre, di definire le buone pratiche per promuovere la conoscenza dell’archeologia subacquea ed i percorsi di visita sia reali che virtuali in ambiente sommerso e subaereo, promuovendo il turismo archeologico subacqueo e ampliandone le esperienze sensoriali, monitorando e proteggendo i siti archeologici subacquei.