Museo nazionale archeologico di Manfredonia

Museo nazionale archeologico di Manfredonia

Ospitato all’interno del Castello svevo-angioino, questo interessante Museo oltre che custodire gli oggetti archeologici, testimonianze preziose delle antiche popolazioni daunie, vuole essenzialmente svolgere quella funzione di ricordo e rinvigorimento della memoria storica, intesa non come mero ricordo del passato ma come civico dovere di consapevolezza critica e perciò, attraverso una intelligente ed opportuna sezione didattica, con veri e propri sussidi e servizi, facilita l’approccio all’archeologia dei giovani in particolare e di tutti i visitatori più sensibili in generale.

Maggiori informazioni

Interventi PON

Opere di valorizzazione funzionale al Museo nazionale archeologico di Manfredonia

Soggetto proponente
Segretariato Regionale MIBACT Puglia
Beneficiario
Segretariato Regionale MIBACT Puglia
CUP
F32C16000180006
Importo in euro
1.000.000
(760.000 quota FESR e 240.000 quota FdR)
Descrizione intervento
L’obiettivo generale dell’intervento è implementare e diversificare l’offerta culturale del museo, migliorare gli standard di fruizione, in modo da consolidare il suo ruolo di polo attrattivo. L’intervento prevede la realizzazione di una ascensore per superare le barriere architettoniche, l’ allestimento di nuove sale, l’implementazione degli apparati comunicativi, informativi e didattici anche multimediali, la valorizzazione degli spazi del castello con il restauro delle strutture archeologiche dell’antemurale. Sono previsti inoltre percorsi e passerelle per la visita alle strutture archeologiche dell’antemurale e per l’accesso ai bastioni sud ed est (II livello) e la realizzazione dell’illuminazione d’accento e dell’impianto di illuminazione di emergenza e sicurezza nei bastioni sud ed est (II livello)

Museo Archeologico della Daunia (Castello di Manfredonia)

Soggetto proponente
Segretariato Regionale MIBACT Puglia
Beneficiario
Segretariato Regionale MIBACT Puglia
CUP
F33D13000740006
Importo in euro
1.916.195,84
(1.437.146,88 quota FESR e 479.048,96 quota FdR)
Descrizione intervento
L’intervento prevede oltre alla fornitura e posa in opera degli impianti di produzione, diffusione e gestione dei prodotti culturali telematici ,la riqualificazione degli ambienti del castello attraverso il restauro e/o rifacimento dei parametri murari delle cortine e delle pavimentazioni interne ed esterne, completamento degli impianti elettrici, di condizionamento ed idrico-fognari.

MUSAS- MUSei di Archeologia Subacquea – Tutela, valorizzazione e messa in rete del Patrimonio Archeologico Subacqueo

Soggetto proponente
Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro
Beneficiario
Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro
CUP
B12C16000080001
Importo in euro
3.250.000
(2.437.500 quota FESR e 812.500 quota FdR)
“MUSAS- MUSei di Archeologia Subacquea” è un progetto interregionale che riguarda complessivamente 6 Attrattori (due per ciascuna regione) della Calabria, Campania e Puglia. L’importo stanziato per la sua realizzazione, qui sopra riportato, si riferisce all’intero intervento e non allo specifico Attrattore.
Descrizione intervento
Scopo del progetto è realizzare un programma di valorizzazione integrata attraverso l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative che metta in rete aree archeologiche sommerse e Musei che conservano reperti di provenienza subacquea. Le attività connesse consentiranno, inoltre, di definire le buone pratiche per promuovere la conoscenza dell’archeologia subacquea ed i percorsi di visita sia reali che virtuali in ambiente sommerso e subaereo, promuovendo il turismo archeologico subacqueo e ampliandone le esperienze sensoriali, monitorando e proteggendo i siti archeologici subacquei.